DKSJ Exchange

La Conferenza dei direttori delle scuole di jazz svizzere (DKSJ) prosegue una nuova serie di concerti basata su partnership con Exchange Nights.


La buona musica deve essere ascoltata:

Bande selezionate del progetto bachelor dei dipartimenti jazz delle cinque accademie musicali di Basilea, Berna, Losanna, Lucerna e Zurigo si presentano con concerti nelle città delle scuole partner.
Con le Exchange Nights, i dipartimenti jazz delle cinque scuole di musica hanno creato una piattaforma per i giovani talenti della scena jazz svizzera. È qui che gli studenti selezionati si incontrano, si scambiano idee e presentano i loro progetti finali della laurea in un piccolo tour della Svizzera.

M.O.R.I (Zurich)

viaggio inquieto. cambiamenti di umore a scatti e impulsivi. schemi ripetitivi e meditativi. ritmi irregolari e stratificati. interazione strumentale. a volte tranquillo, sincero, intimo. spesso assordante, sfacciato, moccioso. a volte magro, ridotto. a volte vario, ricco. a volte ordine organizzato matematicamente. volte improvvisato a caso senza regole. fantasia multicolore.

Marina Iten (as), Joa Frey (g), tba (b), Ramzi Hammad (dr)

Emotions in Motion

I membri del Baptiste Stanek Trio uniscono le loro forze individuali per un viaggio attraverso diversi paesaggi del jazz. La musica tra pulsazioni vulcaniche, tensione urbana e malinconia della natura selvaggia corrisponde allo stesso tempo a una cartografia dei loro spazi interiori. 

Baptiste Stanek (sax), Tabea Kind (b), Václav Palka (dr)

Im Nu

Immediatamente, in un lampo, a scatti, niente per te, in un batter d'occhio, in un attimo. In una formazione simile al Paul Motian Trio, scopriamo un mondo tra suoni acustici ed elettronici, melodie confuse e rumori contrastanti: è la ricerca di un paesaggio sonoro instabile, di quiete distante e l'opportunità di essere in un batter d'occhio .

Philippe Vögeli (git), Paul Butscher (flh, tp), Xavier Käser (dr) 

Vincent Schmidt

Lausann_Vincent_Schmidt(c)PascalSchmidt.jpg

Vincent Schmidt, chitarrista solista che alterna potenza e malinconia, esprime le sue emozioni con le sue dieci dita. Il basso è guidato dal pollice, la melodia è narrata dalle dita e le percussioni sono suonate da chi è ancora disponibile. Ci porta in un universo poetico con la sua chitarra acustica. All'età di 24 anni, Vincent ha pubblicato il suo secondo album da solista "Between Hope And Fire" nel maggio 2019. Tuttavia, eseguirà anche brani del suo album di debutto, Feelings, e non dimenticherà di presentare alcuni brani di Tommy Emmanuel, la sua più grande influenza.

Vincent Schmidt (chitarra/voce)

Maurice Storrer Quartet

Bild Luzern_Maurice Storrer Quartett.jpg

Il Maurice Storrer Quartet si basa sull'estetica del jazz tradizionale degli anni '50 e '60. Con influenze di swing, cool jazz e hard bop, la band fa rivivere la musica di quel tempo. Accompagnata dalla colorata ricchezza dell'armonia del jazz classico, viene creata una musica varia ed energica, che stimola a sognare, pensare e scattare.

Maurice Storrer (sax), Felix Geidel (p), Marius Sommer (ba), Aaron Leutenegger (dr)